Santo Rosario on line

Lunedi, 4 marzo 2024 - Misteri gaudiosi - San Casimiro ( Letture di oggi )

San Francesco di Sales:Imitiamo la Vergine Santissima nostra madre; andiamo allegramente in sua compagnia per vie dritte e per vie tortuose, dovunque ci vorrà condurre il nostro Salvatore.
font

Febbraio, mese dedicato alla Madonna di Lourdes.



Maria Lourdes

4. L'infanzia di Bernardetta



Nostra Signora di Lourdes, prega per noi.

Bernardetta vive e soffre profondamente la situazione familiare. Continuamente sfrattata da un alloggio all'altro, privata dei mobili per pagare i debiti, dopo varie peregrinazioni, con solo due letti, due sedie, un tavolo, la credenza e una valigia che contiene tutti i loro averi, la famiglia Soubirous raggiunge quella che sarà per lungo tempo la loro stabile abitazione: il Cachot. Grazie all'aiuto del cugino Sajous che ne era il proprietario, ottengono di vivere nella stanza più tetra, umida, fredda e buia di Lourdes, nella cella dell'antico carcere. Una camera sola, e per giunta piccola, per sei persone.

Il proprietario aveva esitato a lungo prima di accoglierli lì, ma poi si era detto: "Visto che sono in mezzo a una strada, bisogna pur sistemarli da qualche parte!".

Nel Cachot è di casa la fame, ma bisogna tirare avanti. Bernardetta si occupa dei fratelli mentre i genitori, saltuariamente, sono al lavoro. Giustino muore a nove anni. È grande il dolore! Ma bisogna continuare a stringere i denti, con dignità e coraggio.

Quando i genitori non hanno lavoro, collaborano i piccoli a racimolare qualcosa per mangiare, raccogliendo legna da vendere e ferri e stracci vecchi abbandonati che scambiano per poche lire con la straccivendola. Ma non basta ancora: presto arriva pure l'umiliazione e il disonore. Ci fu un furto dal panettiere vicino alla casa dei Soubirous, dove anche Francesco aveva lavorato. Erano scomparsi due sacchi di farina. Il proprietario, pur conoscendone l'onestà, non esitò ad accusarlo, proprio Francesco. Solo più tardi dirà: "È stata la sua miseria che mi ha fatto credere che fosse un ladro".

Francesco Soubirous, senza andare troppo per il sottile, fu allora arrestato e portato in prigione. Ci rimase otto giorni, mentre la vergogna si univa all'umiliazione e al pensiero fisso per la famiglia lasciata nella solitudine e nella fame.

Ma tra Francesco e Luisa ci furono sempre e solo parole di bontà e di rassegnazione. Tanti vicini ne hanno reso testimonianza. Conservavano, l'uno per l'altro, l'amore e la tenerezza dei primi giorni di matrimonio. Francesco "contemplava" la sua sposa, buona, ordinata, forte e paziente, pronta ad affrontare ogni cosa senza lasciarsi andare alla disperazione. Luisa sapeva stare accanto al suo sposo con discrezione, conoscendone e curandone tutte le ferite del cuore, sollevandolo con l'amore, la fedeltà e la fiducia che non vennero mai meno, neppure nei momenti peggiori della loro vita insieme.

Come poteva accadere questo? I Subirous pregavano, e pregavano insieme, tutti i giorni.

- Impegno: Ritroviamo ogni giorno un tempo per pregare insieme, in famiglia, un tempo per la riconciliazione, il sostegno reciproco, l'ascolto della Parola di Dio che salva e dà forza. Chiediamo questa grazia a Maria.

- Santa Bernardetta, prega per noi.