Santo Rosario on line

Mercoledi, 30 novembre 2022 - Misteri gloriosi - Sant´ Andrea apostolo ( Letture di oggi )

Santa Faustina Kowalska:Gesù, che ti sei degnato d'unire il mio cuore pieno di miseria al tuo cuore che trabocca di misericordia, è proprio attraverso questo tuo stesso cuore che io adoro Dio e lo chiamo «Padre nostro». O Dio, ricco di misericordia, diffondi questa tua misericordia su tutto il mondo che hai creato e il culto verso questo tuo divino attributo salga come una lode perenne fino a te. Dio eterno, ardentemente desidero adorare la tua misericordia, che è il massimo di tutti i tuoi attributi. Vedo la mia incapacità e non pretendo di uguagliare gli abitatori del tuo paradiso, ma anch'io quaggiù ho ricevuto da te un modo di dare all'infinita tua misericordia quel culto che le devo e che, grazie ad essa, mi eleva fino a te.
font

Novembre, mese della Madonna della Medaglia Miracolosa



Medaglia Miracolosa

28. LA MEDAGLIA E LA DEVOZIONE A CRISTO

Maria tende sempre a Dio, noi siamo tenacemente legati alla terra. E allora non c'è altro rimedio che quello indicatoci da Gesù: "Rinunciate a voi stessi...". Con Maria mettiamo sotto i piedi tutto ciò che ci allontana da Dio, che rischia di diventare un idolo per noi; stacchiamoci da ciò che ci lega e ci impedisce di guardare in alto. Combattiamo il nostro egoismo, il nostro orgoglio, la nostra durezza di cuore. Non è facile. Il Montfort però ci dice di conoscere un Segreto per rendere meno duro e più breve questo cammino verso il Signore, per facilitarci il difficile compito di svestirci dell'uomo vecchio per essere pronti a "nascere di nuovo". E il Segreto è questo: mettersi nelle mani di Maria, la via facile" che ci porta a Dio. Questo è anche l'insegnamento più profondo della Vergine a Santa Caterina Labouré e, tramite lei, a tutti noi. Maria si presenta come nostra Mediatrice presso l'unico Mediatore che è Gesù e questo non perché Gesù non sia infinitamente misericordioso verso di noi, non perché non ci ascolti o perché ci guardi con severità. No, è perché siamo noi ad aver bisogno di chi ci insegni ad aver fiducia in Lui, a non scoraggiarci nelle nostre cadute, a non vergognarci delle nostre miserie. È strano, ma la verità rivelataci da Dio più difficile da comprendere, non è la sua giustizia, ma la sua bontà. E allora la Madonna non si stanca di venire sulla terra per insegnarci a credere nell'amore di Dio che tutto comprende e tutto perdona. Gesù ha voluto lasciarci Maria come Madre proprio per darci una prova del suo tenero amore per noi. Del resto è Gesù stesso che vuole che andiamo a Lui per mezzo di Maria, così come Lui è venuto a noi per questa stessa via. Inoltre noi portiamo un grande tesoro in vasi di argilla. Siamo deboli, incostanti, spesso le passioni ci travolgono e ogni giorno rischiamo di cadere nell'agguato del demonio che "come leone ruggente va in giro cercando chi divorare Chi può salvarci da lui, chi può unirci così fortemente a Gesù da renderci partecipi della sua vittoria sul male? Maria, sì, la Mamma che Gesù ci ha donato, proprio per questo. La sola vista della Medaglia, monumento della sua sconfitta che, umi liato, lo vede rappresentato sotto i piedi della Donna vestita di sole, mette in fuga il demonio. Perciò ringraziamo lo Spirito Santo per averci ispirato di consacrarci a Maria e ringraziamo Maria per averci accolti come suoi figli, prendendosi cura di noi in tutto, da ora e fino a quando, nell'eternità, godremo per sempre accanto a Lei, 'la visione della SS. Trinità.

Impegno: Proponiamoci di fare tutto, da ora in poi, con Maria, in Maria, per Maria e, tramite lei, per Gesù.

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte.

O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te.

Fonte: Preghiere a Gesù e Maria