Santo Rosario on line

Domenica, 21 aprile 2024 - Misteri gloriosi - Sant´ Anselmo ( Letture di oggi )

Don Nikola Vucic:Oggi... seguiamo le orme di Santa Teresina e la sua "piccola via". Quanto è bella una persona umile! Dal suo cuore, come dall'incensiere, esce un profumo molto gradito a Dio e Lui la innalza fino a Sé. Più una persona è umile più Dio si china verso di essa e la riveste di grazia. Una persona umile è come un fiore, è come una violetta: è nascosta, non si nota, non appare, eppure - grazie al suo profumo - si riconosce facilmente. Anche se passano gli anni, la persona umile rimane sempre bella. Anzi con gli anni la sua bellezza è ancora più preziosa. Una persona umile non smette mai di profumare.
font

Novembre, mese della Madonna della Medaglia Miracolosa



Medaglia Miracolosa

16. MANI APERTE VERSO IL MONDO

Con la sua Medaglia la Vergine offre ad ogni suo figlio un semplice e profondo "chatechismo" da studiare, da meditare e da mettere in pratica. Infatti, nella Medaglia, è racchiusa la storia dell'umanità e il piano divino di salvezza che passa attraverso il Cuore Immacolato di Maria. Guardiamo e meditiamo la parte anteriore della Medaglia: dopo aver descritto il vestito di seta, cobr bianco aurora, a maniche lissce e con taglio "alla vergine" e il velo bianco che scendeva fino ai piedi, Maria appare come la "Donna vestita di sole" dell'Apocalisse. Suor Caterina non si sofferma a descrivere il volto della Vergine, tanto era presa dalla sua bellezza da non riuscire ad esprimerla a parole, ma, se non ha parlato di quel volto splendido e inaccessibile, ha ben descritto le mani della Madonna e ha detto che le braccia della Vergine, dopo che il globo era scomparso, si sono distese e le mani si sono aperte verso il mondo. La Medaglia Miracolosa è proprio caratterizzata da questa apertura delle mani di Maria verso ognuno di noi. Questo gesto delle mani aperte è quello dell'accoglienza e più precisamente della compiacenza, è il gesto di chi lascia cadere lo scettro per dare alle sue mani offerte il significato dell'indulgenza, della bontà e dell'amore. Le mani aperte di Maria parlano di dono, di offerta e attendono la gratitudine da noi. Le due mani sono ugualmente distese e questo indica il dono totale: quello che Maria fa di se stessa a chi ricorre a lei con fiducia e amore di figlio. Ogni dito è ricoperto da tre anelli ornati di pietre preziose dalle quali partono raggi di luce. Il simbolo degli anelli è evidente: sono le grazie preziose per la salvezza che Dio ha messo nelle mani di Maria. Gli anelli sono quindici e molti vi hanno visto il simbolo dei misteri del Rosario. Il Rosario avrebbe quindi nel messaggio della Medaglia una grande importanza. La Vergine ama tanto il Rosario che se ne riveste come di un ornamento ed è tale l'efficacia del Rosario che fa sprigionare dalle mani di Maria una immensa pioggia di grazie! Ma non tutti gli anelli splendono. Maria dice a Santa Caterina che quegli anelli senza raggi rappresentano le grazie che nessuno le chiede. Quanta gente non prega, non ha più fede, si ritiene autosufficiente e crede solo in se stessa e nelle proprie possibilità, dimenticando l'amore del Padre Celeste e quello di questa tenera Madre! I piedi della Madonna, coperti dai raggi, poggiano sul globo, che si vede solo a metà, e rappresenta il mondo insidiato dal serpente sul quale però trionfa la Vergine Maria. A far corona a questa immagine celeste, scritta a lettere d'oro, si vede la breve preghiera insegnata dalla Madonna ai suoi figli: "O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te!".

Impegno: Fermiamoci a guardare e a meditare questo lato della Medaglia e chiediamo a Maria di farci cogliere l'essenza del suo messaggio.

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte.

O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te.

Fonte: Preghiere a Gesù e Maria