Santo Rosario on line


Maggio, le apparizioni di Nostra Signora del Laus







LA FAMA DELLE APPARIZIONI SI DIFFONDE

Tutti vogliono vedere e sentire Benedetta: essa parla a tutti di ciò che la riempie di gioia, anche se non sa ancora chi sia la bella Signora. "Che sia la Vergine quella che vede?" dice la gente. Ma Benedetta non lo suppone né cerca di saperlo: vede, ama, è felice, questo le basta. La sua padrona, stupita, vuole rendersi conto di ciò che succede alla valle dei Forni e un giorno esce di casa di nascosto raggiungendo la grotta prima di Benedetta. Quando questa arriva, la Signora le dice che la padrona è nascosta dietro una roccia. “E’ qui. Avvertila di non bestemmiare più perché se continua così non ci sarà il Paradiso per lei: la sua coscienza è in cattivissimo stato, faccia penitenza, distribuisca ai poveri il cibo e il vino che prenderebbe nei giorni di Pasqua, di Pentecoste e di Natale ed essa non si cibi che di pane e acqua in quelle tre festività".

La peccatrice, dal suo nascondiglio sente tutto, si pente, convertendosi ad una vita migliore. Questo fatto convinse la gente che Benedetta vedeva davvero qualcosa di straordinario!

La fama di tante meraviglie però non poteva fermarsi a Saint Etienne, sorpassò le montagne e anche nella città di Gap non si parlava altro che degli avvenimenti di Laus.

Così il giudice della vallata ordinò a Benedetta di chiedere alla Signora chi fosse, accompagnandola sul posto insieme ad una processione di Figlie di Maria. La bella Signora disse di non costruire una chiesa in quel luogo perché ne aveva scelto un altro e aggiunse: "Io sono Maria, la Madre di Gesù. Tu non mi vedrai più in questo luogo, né mi vedrai più per un po"'.

Impegno: Oggi voglio lodare, benedire, ringraziare spesso il Signore e Maria per me e per tutti coloro che non lo fanno.