Santo Rosario on line


Maggio, le apparizioni di Nostra Signora del Laus







CROCIFISSA CON GESÙ

Tutto quello che si verificava nella valle privilegiata di Laus aveva per fine non solo la conversione dei peccatori, ma soprattutto la maggior gloria di Gesù.

Ogni apparizione riempiva l'anima di Benedetta di una gioia inesprimibile e l'accendeva di un amore sempre crescente per il Salvatore. Come consumata da un fuoco divino, cercava tutti i mezzi per essere gradita al suo amato. Perciò pregava, digiunava e faceva sacrifici. Arrivò al punto di non essere più felice se non nella crocifissione perfetta e completa del suo io.

Spesso pregava il Signore di farle provare qualche tormento della sua Passione. E questo desiderio fu soddisfatto con l'impressione delle Stimmate e con la partecipazione ai dolori di Gesù Crocifisso. Per uno speciale privilegio, però, solo le piaghe dei piedi erano visibili.

All'ingresso della valle di Laus era stata innalzata una croce. Benedetta provava una attrattiva particolare nell'andare a pregare ai piedi di quella croce. Là si commuoveva al ricordo delle sofferenze di Gesù e piangeva tanto. E Gesù volle ricompensare un amore così grande. Si fece vedere crocifisso, agonizzante e coperto di sangue, così com'era stato un giorno sul Calvario.

Intanto un angelo diceva a Benedetta: "Vedi quanto ha sofferto il tuo e il mio Signore? Vorresti soffrire anche tu per amor suo?". Questo fa crescere ancora di più il suo amore al Crocifisso e l'unione del suo spirito a Lui.

Un'altra volta, nel 1673, mentre stava ai piedi della croce, Gesù le disse: "Figlia mia, io mi faccio vedere in questo stato per renderti partecipe dei dolori della mia Passione". E la parola divina si realizzò subito: da quel giorno, ogni settimana, dal giovedì sera fino a verso le quattro del sabato mattina, Benedetta riviveva sul suo letto la crocifissione.

Questo durò per circa quindici anni e proprio in quell'epoca cominciò la persecuzione che l'inferno le fece subire per lo spazio di trent'anni.

Impegno: Prenderò fra le mani il mio Crocifisso e chiederò a Maria di aiutarmi a contemplarlo e ad amarlo con il suo cuore.