Santo Rosario on line


Febbraio, mese dedicato alla Madonna di Lourdes.





18. Sedicesima apparizione: 25 marzo



Nostra Signora di Lourdes, prega per noi.

Erano passate così tre settimane dall'ultima visita della bianca Signora. La sera del 24 marzo Bernardetta sente di nuovo forte nell'anima il richiamo della visione. Va a letto, ma per la gioia non riesce a dormire. Così, all'alba, accompagnata dalla madre, corre verso Massabielle, piena di speranza.

La gente è già là, raccolta per celebrare la grande festa dell'Annunciazione. Arrivata sotto la grotta, che sorpresa! La Signora era là ad attenderla, dolcissima e sorridente, e accarezzava con lo sguardo la folla in preghiera, come fa una madre con i suoi figli. Bernardetta cade in ginocchio e poi gradualmente cambia espressione, mentre le sue labbra si aprono per parlare: Vuole chiedere scusa per il ritardo, ma la Signora la rassicura. Poi va subito al sodo. È questa la prima cosa da dire: "Signora, volete avere la bontà di dirmi chi siete?". Quante prove ha fatto per trovare l'espressione adatta!! Ripete la stessa domanda una, due, tre volte. La Signora non risponde, ma continua a sorridere. Poi, dopo aver abbassato le braccia, alza gli occhi al cielo e, ricongiungendo le braccia sul petto, dice:

"Io sono l'Immacolata Concezione".

"Sono le ultime parole che Ella mi disse" - confesserà in seguito Bernardetta, aggiungendo con infinita nostalgia: "Come erano belli i suoi occhi azzurri...!". La Signora aveva detto il suo nome come sempre parlando in dialetto: "Que soy era Immaculada Councepciou".

E sparisce. Bernardetta esce dall'estasi continuando a ripetere quelle parole che non capisce. Non risponde alle domande della folla, corre su per il sentiero sillabando continuamente per paura di dimenticare, Corre fino alla casa parrocchiale, entra e subito grida: "Que soy era Immaculada Councepciou!".

Il parroco è senza parole! Capisce subito che la piccola sta riferendo le parole della Signora e non fa obiezioni anche se si sente fortemente turbato. Chiede però a Bernardetta se capisce che cosa vuol dire Immacolata Concezione. Bernardetta scuote la testa: non lo sa. Ma è felice! Ha portato a termine il suo incarico!

L'Abbé Peyramale dice ancora: "Ma come puoi dire una cosa che non capisci?".

"L'ho ripetuto per tutta la strada, per non dimenticare! La Signora ha detto proprio così, davvero!". E aggiunge: "Vuole una cappella...".

Il parroco la manda via, ma ormai non può più far finta di niente: ne informerà subito il vescovo.

- Impegno: Con affetto, con fede, invochiamo oggi la Vergine Maria col titolo che le è più caro: Immacolata Concezione, e chiediamole per noi e per il mondo la purezza del corpo e del cuore.

- Santa Bernardetta, prega per noi.