Santo Rosario on line


Meditazioni al Cuore Immacolato di Maria





Primo giorno: La salita verso Nazareth



"E' certo infatti che questa preghiera e la figura stessa di Giuseppe hanno acquistato una nuova attualità per la Chiesa del nostro tempo, in rapporto al nuovo millennio cristiano" (Giovanni Paolo II, Esortazione apostolica "Redemptoris Custos", 15 Agosto 1989)

Lasciare lo spirito del mondo, consacrazione dei beni esteriori

Nel nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo

INVOCAZIONE
Vieni Spirito Santo, vieni gioia eterna. Vieni Tu che la mia anima ha desiderato e desidera. Vieni Tu, il Solo da chi è solo, perché come vedi io sono solo. Vieni, Tu che mi hai separato da tutto e reso solitario in questo mondo. Vieni, Tu che in me ti sei fatto desiderio, che ti sei fatto desiderare da me, Tu, l'inaccessibile. Vieni, mio soffio, mia vita. Vieni, consolazione della mia anima. Vieni, mia gioia, mia gloria e mia delizia infinita. Vieni Spirito che ti sei fatto desiderare da me, Tu, l'inaccessibile, che in me ti sei fatto desiderio. (Simeone il Nuovo Teologo)

Pregare il Credo

Una decina del Rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria

Messaggio della Madonna a Medjugorje del 25 Agosto 1992
"Cari figli, oggi desidero dirvi che vi amo. Io vi amo con il mio materno amore e vi invito ad aprirvi completamente a me, affinché io possa, attraverso voi, convertire e salvare il mondo, in cui vi sono molti peccati e molto di ciò che non è bene. Perciò, cari figlioli miei, apritevi completamente a me affinché io possa sempre di più tutti voi verso quel meraviglioso amore di Dio creatore, che si rivela di giorno in giorno a voi. Io sono con voi e desidero rivelarvi e mostrarvi il Dio che vi ama. Grazie per aver risposto alla mia chiamata".

MEDITAZIONE
(vd 81) Per vuotarci di noi, dobbiamo morire ogni giorno a noi stessi, rinunciando alle operazioni delle potenze dell'anima e dei sensi del corpo: vedere come se non vedessimo, udire come se non udissimo, servirci delle cose di questo mondo come se non ce ne servissimo (I Cor 7,31), attuando così ciò che Paolo chiama "il morire ogni giorno" (I Cor 15,31). "Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo" e non produce un frutto che sia buono. Se non moriamo a noi stessi, e se le nostre devozioni, anche le più sante, non ci portano a questa morte, non produrremo frutto di alcun valore. Le nostre devozioni diverranno inutili, ogni opera di giustizia sarà contaminata dall'amor proprio e dalla nostra volontà, e Dio abominerà anche i più grandi sacrifici e le migliori azioni. E giunti che saremo al termine della nostra vita, ci troveremo con le mani vuote di virtù e di meriti, senza una sola scintilla di quel puro amore di Dio che viene comunicato soltanto alle anime morte a se stesse e la cui vita è nascosta in Dio con Gesù Cristo.
(San Luigi Maria Grignon de Montfort - Trattato sulla vera devozione a Maria)

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE
Maria, tu che hai proclamato che Dio rimanda i ricchi a mani vuote, voglio dirti che il solo tesoro che desidero sulla Terra è tuo Figlio, il frutto del tuo seno, affinché dov'è il mio tesoro, il tuo tesoro, là sia anche il mio cuore. Ti consacro tutti i miei beni, tutte le mie proprietà materiali affinché tu ne disponga in vista dell'avvento del Regno. Tu che ci hai dato il pane della Vita, accetta il frutto del mio lavoro, perché possa essere condiviso e moltiplicato. La Parola di tuo Figlio ci dice che nessuno può servire allo stesso tempo due padroni; questa sua Parola mi afferra ed io dichiaro di non desiderare niente altro che servire l'unico Maestro che è Dio e la sua umile ancella che è la mia Regina. Maria, ti consacro il mio lavoro, il frutto dei miei sforzi fisici ed intellettuali, metto a tua disposizione i miei beni materiali affinché tu ne disponga secondo il tuo volere.

Antifona
Santa Famiglia di Nazareth, piccola Trinità sulla terra. Gesù, Dio sulla terra; Maria, sposa dello Spirito; Giuseppe, ombra del Padre, rendeteci come voi. Piccola trinità sulla terra. Giuseppe, consumato d'amore per Maria; Maria consumata d'amore per Gesù; Gesù consumato d'amore per il mondo.

Salmo 131 (130)
Signore, non s'inorgoglisce il mio cuore
e non si leva con superbia il mio sguardo.
Non vado in cerca di cose grandi,
superiori alle mie forze.

Io sono tranquillo e sereno
come bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come bimbo svezzato è l'anima mia.
Speri Israele nel Signore ora e sempre.


Antifona
Preghiera ad libitum (si possono fare delle litanie, delle invocazioni, un canto...quello che lo Spirito suggerisce ai nostri cuori)

Invocazione finale
Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte)