Santo Rosario on line


Don Bosco ritorna

LA PRIMA VIRTU’ DI UN GIOVANE E’ L’OBBEDIENZA AI PROPRI GENITORI





Come una tenera pianticella, anche se piantata in un buon terreno, può prendere una cattiva piega e finire male se non è coltivata e, per così dire, guidata fino a una certa grossezza, così tu, mio caro giovane, ti piegherai sicuramente verso il male se non ti lascerai guidare da chi ha cura della tua educazione e del bene della tua anima.

LA TUA GUIDA SONO I TUOI GENITORI ed anche quelle persone che ne fanno le veci. Ad essi devi ubbidire docilmente se vorrai essere felice. Dice infatti il Signore: «Onora il padre e la madre e vivrai a lungo sulla terra».

Mi domanderai: «Come devo fare per onorare i miei genitori?». Ti rispondo: «Con l'ubbidirli, rispettarli e assisterli».

Con l'ubbidirli: e perciò quando ti comandano qualche cosa falla prontamente, senza mostrarti seccato. Non devi essere come quei brontoloni che ad ogni comando alzano le spalle o rispondono malamente. Chi fa così non solo manca verso i genitori, ma verso Dio stesso.

Gesù, che era Dio, ha voluto essere sottomesso alla Sua mamma e a San Giuseppe proprio per insegnarci ad obbedire.

In secondo luogo tu devi avere per i tuoi geni­tori un grande rispetto.

Perciò devi stimarli, e se hanno qualche difetto cercare di coprirlo, perché siano stimati anche dagli altri.

Infine devi aiutarli più che ti è possibile sia in casa che fuori. Divenuto grande dovrai aiutarli anche con il tuo denaro e assisterli nella loro vec­chiaia. Soprattutto non dimenticarli mai nelle tue preghiere.

Perciò concludo col dirti: «Sii ubbidiente e diverrai santo; ma se disubbidirai, molto facilmen­te prenderai una strada che ti condurrà alla perdita di ogni virtù.

Fonte: Don Bosco ritorna - LA PRIMA VIRTU’ DI UN GIOVANE E’ L’OBBEDIENZA AI PROPRI GENITORI