Santo Rosario on line


Don Bosco ritorna

L’ETERNITA’ DELLE PENE





Pensa, o mio caro giovane, che sa andrai all'Inferno NON NE USCIRAI MAI PIÙ! Nell'Inferno infatti non solo si soffrono tutte le pene, ma si soffrono in eterno. Passeranno cento anni da quando sarai nell'Inferno, ne passeranno mille, e l'Inferno incomincerà allora; ne passeran­no centomila, cento milioni, passeranno milioni di secoli, e l'Inferno sarà al suo inizio.

Se un Angelo portasse ai dannati la notizia che Dio li vuole liberare dall'Inferno quando saranno passati tanti milioni di secoli quante sono le gocce d'acqua del mare, le foglie degli alberi e i granelli di sabbia della terra, questa notizia riempirebbe di gioia l'Inferno. «È vero - direbbero i dannati - che devono passare tanti secoli, ma un giorno finiran­no!». Invece passeranno tutti questi secoli e tutti i tempi immaginabili, e l'Inferno sarà sempre da capo!

Se almeno il povero dannato potesse ingannare se stesso e illudersi pensando: «Chissà che forse un giorno Dio mi potrà fare uscire da questo tor­mento... Ma neppure questo sarà possibile, perché è lo stesso dannato, che in punto di morte ha tenu­to ferma la sua volontà contro Dio, a non volerla più cambiare ora che è entrato nella eternità. Sarà lui stesso a volere per sempre quelle fiamme che lo bruciano, quei demoni che lo tormentano, e a respingere per sempre quel Dio che ha offeso! Ciò che deve riempire di spavento noi che siamo ancora su questa terra, è il pensiero che quella eterna fornace è continuamente aperta sotto i nostri piedi, e che basta un solo peccato mortale per cadervi dentro.

Mio giovane amico, capisci ciò che leggi? Una pena eterna per un solo peccato mortale che forse commetti con tanta facilità!

Ascolta dunque il mio consiglio: se la coscien­za ti rimorde per qualche peccato mortale (fosse anche uno solo) va presto a confessarti e comincia subito una vita buona. Per questo scegliti un santo sacerdote al quale potrai ricorrere per chiedere aiuto e, se necessario, per fare una confessione che abbracci tutta la tua vita.

Ricordati sempre che pur di non cadere nell'Inferno qualunque sacrificio che tu possa compiere è ben poca cosa, perché tutti i sacrifici di questo mondo durano poco mentre l'Inferno dura per sempre!

«O Gesù, che sei morto sulla Croce per preser­varmi dall'Inferno eterno, fa che anch'io muoia al peccato in questa vita per poter salvare l'anima mia nell'eternità».

Fonte: Don Bosco ritorna - L’ETERNITA’ DELLE PENE