Santo Rosario on line


Novena a San Giovanni Crisostomo
Primo giorno
I. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che a misura del vostro avanzarvi negli studi profani, progrediste ancora nella scienza della salute, per cui ancor giovanetto in Atene aveste la gloria di confondere tanti pagani filosofi, e di convertire in fervente cristiano il celebre Antemo, intercedete a noi tutti la grazia di servirci sempre dei nostri lumi per avanzarci nelle cognizioni indispensabili alla salute, e procurare a tutto potere la conversione e il miglioramento di tutti i nostri fratelli.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

II. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che agli onori, agli agi del secolo preferiste la solitudine e la mortificazione del deserto, e riputandovi indegno fin dell’unzione sacerdotale, vi nascondeste nelle caverne più inospite per sottrarvi alla dignità vescovile, cui vi avevano sollevato i prelati di Siria, ed ivi tutto il tempo impiegaste nel comporre le opere importantissime del Sacerdozio, della Comunione e della Vita Monastica, intercedete a noi tutti la grazia di proferir sempre il ritiro alla comparsa, la solitudine al tumulto, l’abbiezione alla gloria, e di non trascorrere mai un solo momento senza qualche opera di salute.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

III. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che malgrado tutta la resistenza della vostra umiltà, consacrato sacerdote nell’età di trent’anni, foste visibilmente riempito di tutti i doni del cielo, dacché, sotto figura di colomba venne lo Spirito Santo a posarsi sul vostro capo, intercedete a noi tutti la grazia di accostarci sempre con le debite disposizioni ai santissimi Sacramenti, onde riportarne sempre in maggior copia quegli effetti prodigiosi per cui sono istituiti.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

IV. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che,divenuto il riformatore dei popoli con l’efficacia della vostra predicazione, diveniste ancora con la vostra carità il sollievo di tutte le miserie, specialmente quando Antiochia si aspettava dall’irritato Teodosio il suo totale sterminio, intercedeteci la grazia di travagliare con tutte le nostre forze a illuminar gli ignoranti, a corregger i traviati, a consolar gli afflitti, e sovvenire il nostro prossimo in ogni genere di bisogni.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

V. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che, elevato dal consenso di tutti i vescovi alla dignità eminentissima di Patriarca di Costantinopoli, diveniste ancora il modello della perfezione più sublime per la frugalità della mensa, per la povertà degli addobbi, per l’instancabile assiduità alla preghiera, alla predicazione, alla celebrazione dei santi misteri e più ancora per la saggezza onde provvedeste a tutti i bisogni di ventotto ecclesiastiche provincie a voi affidate, e procuraste ed otteneste la conversione dei Celti, degli Seiti e dei Fenici, non che di tanti eretici che infestavano tutto l’Oriente, intercedete i noi tutti la grazia di eseguire sempre con perfezione tutti i doveri dello stato in cui siamo attualmente, e di qualunque altro in cui dalla sovrana Provvidenza ci trovassimo poscia impegnati.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

VI. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che, soffrendo sempre con inalterabile rassegnazione le calunnie pubblicate contro di voi dai più potenti nemici, quindi la deposizione, e per ben duo volte l’esilio dalla vostra sede, e l’assassinamento tentato della vostra persona, foste ancora da Dio medesimo glorificato col terremoto e con la grandine che desolarono Costantinopoli in pena della vostra espulsione, con le suppliche a voi spedite per richiamarvi, con le più orrende disgrazie sopraggiunto ai vostri persecutori, e finalmente coi più stupendi prodigi operati a vantaggio dei luoghi disagiatissimi in cui foste rilegato, ottenete a noi tutti la grazia di soffrire sempre con mansuetudine, anzi di ricambiare coi benefizi gli affronti dei nostri nemici, onde impegnare l’Altissimo a glorificarci a misura delle sofferte umiliazioni.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

VII. O glorioso s. Giovanni Crisostomo, che con miracolo tutto nuovo, trent’un anni dopo la vostra morte consolaste i popoli a voi affidati in tempo di vostra vita, perché da loro acclamato ed invocato come santo e ricondotto dal Ponto alla vostra cara Costantinopoli e ricevuto come in trionfo, e collocato sulla vostra sodo patriarcale, apriste le vostro labbra a pronunciare quelle grandi parole: La Pace sia con voi: Fax Vobis: deh! stendete anche a noi la vostra intercessione, onde ottenerci dall’Altissimo quella pace che supera ogni sentimento, e quella reciproca unione che forma di tutti gli uomini una sola famiglia, e che è un preludio ed un principio di quella pace inalterabile che speriamo di godere con voi e con tutti gli eletti nel cielo.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli.